L’agro nocerino sempre più invaso da gabbiani e falchetti

Gabbiani e falchetti invadono le città dell’agro. Sono soprattutto i gabbiani ad avere cambiato il loro atteggiamento vivendo sempre di più nelle aree urbane attirati dai cumuli di immondizia, cibo in abbondanza e grandi spazi per nidificare, e crescono di numero. Sempre più frequentemente si possono avvistare negli spazi esterni dei supermercati e anche nei giardini delle abitazioni.

Accanto ai gabbiani proliferano cornacchie e falchetti che ritrovano il loro habitat naturale nella macchia mediterranea dei Monti Lattari. I gabbiani reali zampe gialle, il cui nome scientifico è Larus Michahellis, efficacissimi spazzini predatori, si spingono sempre più nell’entroterra.

Si nutrono di rifiuti, pesci, ratti, carcasse, uova, piccoli animali e altri uccelli. Molto aggressivi con i piccioni: li uccidono a beccate e li sventrano. Terrazzi, tettoie e ogni sorta di anfratto urbano sono ideali per la nidificazione. A questo si aggiunge che gabbiani e falchetti sono specie protetta e l’uccisione è vietata dalla legge.

Foto Meteoweb