Mercato ortofrutticolo, FdI contro Bottone

Mercato ortofrutticolo, dopo il Consiglio comunale nuovo affondo di Fratelli d’Italia.

“Ancora una volta il Sindaco inadeguato scarica le proprie responsabilità e le proprie inadempienze sugli altri. Questa volta, in riferimento alla mancata acquisizione al patrimonio comunale del Mercato Ortofrutticolo ed all’abusiva gestione di esso portata avanti dal Commissario Liquidatore, è toccato al Sindaco di Nocera Inferiore subire gli strali accusatori da parte del Sindaco di Pagani che ormai propala bugie e sciocchezze senza nemmeno rendersene conto – dichiara il capogruppo Raffaelina Stoia -. Il Gruppo Consiliare FDI non conosce “se e quanto – a dire del Sindaco inadeguato – sarebbero stati concertati nelle stanze segrete”, però ha avuto modo di leggere, dai Media, le posizioni pubbliche assunte dal rieletto Sindaco Torquato sul mercato Ortofrutticolo e le Sue forti critiche verso una gestione commissariale che ha definito “ da amministratore unico di società più che da Liquidatore” e che “ doveva concludersi in pochissimo tempo mentre ormai si protrae da oltre sei mesi”.
Al di là di questo, poi, sappiamo che il Sindaco full time di Nocera Inferiore è anche un valido professionista, che ben conosce la materia giuridica e le norme che disciplinano sia l’acquisizione al patrimonio comunale della struttura sia l’inderogabile necessità della sussistenza di un atto convenzionale per consentire una gestione operativa non di proprietà, per cui sa bene che tali attività INDEROGABILI – e finora omesse – non possono essere in alcun modo legate a pause amministrative e decisionali fondate sulla necessità “ di svolgere le elezioni amministrative nel proprio Comune”.
Siamo totalmente convinti che “ la grave accusa rivolta al Sindaco Torquato” sia solo l’ennesimo esempio di una deresponsabilizzazione e di una propensione alla bugia che ormai, è evidente, sono aspetti patologici che caratterizzano il DNA del Sindaco inadeguato contornato, peraltro, da una pseudo maggioranza silente e priva di idee che si limita a comportarsi da puro gregge obbediente al pastore”.

E ancora: “Il Consiglio comunale di ieri, svoltosi per l’ennesima volta in seconda convocazione grazie alla complicità del PD e del Presidente del Consiglio Comunale, ha dimostrato in maniera inequivocabile che esiste un binomio indissolubile tra Sindaco e Presidente del consiglio Comunale con quest’ultimo che spudoratamente piega e sfregia i regolamenti consiliari in vigore e,addirittura, si è spinto a sollevare – dopo ben due anni – presunte incompatibilità a carico di un consigliere comunale che oggi è diventato “attaccabile” perché ha avuto il coraggio di dissociarsi da un gruppo trasversale di puro potere e assolutamente incapace di ogni ipotesi di governo della città. La città è stufa di questi falsi moralisti e di questi bugiardi che ricoprono ruoli conseguiti in condizioni ambientali drogate da loro stessi. Si restiutisca la parola agli elettori prima che la situazione della città diventi irrecuperabile”.