Messi fuori casa perchè gay, dormono in strada

a dieci giorni Francesco e Giuseppe, due ragazzi del napoletano di 18 e 20 anni, sono stati messi fuori casa perché le rispettive famiglie non hanno accettato la loro relazione: per circa una settimana i due ragazzi hanno dormito in strada. A rendere nota la storia è l’Arcigay di Napoli.

“Da qualche giorno sono provvisoriamente nostri ospiti e assistiti dai nostri sportelli – spiega Antonello Sannino, presidente del Comitato Provinciale Arcigay di Napoli – Il Comune di Napoli e la delegata alle Pari Opportunità Simona Marino hanno da subito mostrato grande attenzione alla nostra richiesta di aiuto, ed insieme stiamo cercando la soluzione migliore per alloggiare i due ragazzi e per avviarli ad un percorso di inserimento lavorativo”. Sannino chiede alla “comunità lgbt e alla cittadinanza tutta il massimo sostegno.
Intanto parla di un progetto: “Stiamo avviando tutte le procedure per attivare la casa di accoglienza per le persone lgbt vittime di discriminazioni, entro fine anno”.

Ansa

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati