Nefropatici costretti a pagare gli alimenti ipoproteici, Barone lancia un appello a Gambino

Riattivazione immediata dell’erogazione gratuita degli alimenti ai malati nefropatici della Campania, il presidente dell’Associazione Nazionale No Aids,Giuseppe Barone, chiede l’intervento del consigliere regionale Alberico Gambino.

“I nefropatici, alle molteplici terapie mediche, devono accompagnare anche una specifica alimentazione ipoproteica – scrive Barone -. Oggi, molti di loro sono costretti a comprare tutti i prodotti alimentari poiché con il decreto n°.17 del 24 marzo 2010, a causa del piano di rientro della spesa sanitaria regionale, è stata decretata la sospensione dell’erogazione dei prodotti ipoproteici per i pazienti con insufficienza renale cronica da parte delle ASL di appartenenza”.

Barone fa notare che “la Campania è, a oggi, l’unica Regione italiana che non garantisce ai propri pazienti l’erogazione gratuita dei prodotti alimentari aproteici, indispensabili nel trattamento dell’insufficienza renale cronica in terapia conservativa” e chiede a Gambino di farsi promotore di questa istanza nelle sedi opportune e di chiedere l’immediata revoca del decreto.