Nocera Inferiore. Candidatura Schiavo, le riflessioni di Massimo Torre

Si anima il dibattito in vista delle elezioni amministrative nella città di Nocera Inferiore. Arrivano le riflessioni dell’ esponente di Massimo Torre sulla possibile candidatura di Alfonso Schiavo.

Di seguito la nota.

“Leggo dai giornali, anche attraverso sue dichiarazioni, di una probabile discesa in campo del dottore Alfonso Schiavo, come candidato sindaco. L’impegno diretto, benché l’avesse recentemente escluso, di una persona degna della mia stima, non può che ottenere dal sottoscritto una reazione senza dubbio positiva.

Qualche considerazione in proposito, però, devo farla, per l’onestà intellettuale che spero gli altri mi riconoscono, ma che certamente riconosco in Alfonso.

La scelta di scendere in campo, in alternativa a questa amministrazione, andrebbe motivata più fortemente nel merito; tale scelta non può e non dovrebbe avere semplicemente una motivazione legata ad una logica di schieramento politico e di bandiera ideologica. Ritengo che questa amministrazione abbia svolto un ottimo operato, in un contesto difficile, e lo abbia fatto nella direzione della soluzione di tematiche che, noi della sinistra cittadina, abbiamo sempre auspicato.

L’approvazione dello strumento di pianificazione urbanistica, che, in un contesto di leggi contraddittorie e derogatorie e nel tradizionale clima di interessi intrecciati, cerca di arginare i fenomeni di edificazione incontrollata, verificatosi negli ultimi anni, è un indiscutibile risultato raggiunto, in linea con quanto da sempre da noi prospettato e teorizzato. Io, e non solo io, non dimentico che, durante amministrazioni precedenti, di cui abbiamo fatto parte insieme, seppure io solo inizialmente, sono sorti quartieri interi, in barba agli strumenti urbanistici vigenti, lì dove erano previsti servizi servizi, scuole, aree attrezzate e centri di aggregazione.
L’avvio della raccolta differenziata, che oggi arriva a risultati del 50% “effettivi”, è del tutto in linea con gli obiettivi e l’operato dell’ottimo assessore Pucci.

L’internalizzazione della società “Nocera multiservizi” e l’averla dotata di un piano industriale serio, pone le basi, o almeno tenta di farlo, di una stabilizzazione produttiva della forza lavoro della società e di un suo razionale utilizzo, superando la logica insostenibile e mortificante di un semplice impiego di gran parte della forza lavoro per la mera sorveglianza, ormai superabile, inutile e poco etica, dei parcheggi cittadini.

In sintesi, anche per evitare di dilungarmi, concludo, con la consueta stima e con rinnovato affetto, che bisognerebbe rafforzare l’azione di un’amministrazione che ha rappresentato e rappresenta, nei fatti, un momento di modernizzazione della nostra città nella direzione auspicata dalla sinistra nocerina negli ultimi anni; non candidarsi come alternativa ad essa”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati