Pagani. Degrado davanti al cinema, la denuncia di Anna Rosa Sessa

Degrado e mancanza di sicurezza nell’area antistante il cinema, la denuncia del consigliere Anna Rosa Sessa. L’esponente di FdI ha presentato un’interrogazione consiliare.

“Pagani città del “non fare”. Perché l’amministrazione comunale è completamente assente, ingarbugliata nelle sue questioni politiche tese alla “spartizione di potere” e completamente lontana dalle problematiche reali e serie vissute dalla comunità. E così si abbandonano a loro stesse anche strutture che rappresentano una “risorsa” per il territorio ed un punto di “aggregazione” per giovani e non solo – si legge nella nota -.

E’ il caso del Multisala “La Fenice” che, quotidianamente, deve fare i conti con la mancanza di sicurezza dovuta ad un totale abbandono, da parte dell’amministrazione comunale, degli spazi esterni.

Piange il cuore a dovere constatare che quella piazza antistante il cinema- tra l’altro abitata da tante persone e su cui affacciano numerose attività commerciali- sia non solo vittima di vandali e persone poco raccomandabili (considerate le telefonate che, quotidianamente, arrivano alla Polizia Locale ed ai Carabinieri della Locale Tenenza) ma anche lasciata nel degrado più totale, creando non pochi disagi ad una struttura che, ogni settimana, accoglie persone provenienti dall’intero territorio dell’Agro Nocerino Sarnese.
Porte d’emergenza del cinema completamente rotte da incivili che si affacciano in un corridoio lasciato alla mercé di chiunque, impianto di illuminazione mal funzionante, cabina elettrica lasciata aperta che diventa riparo di giovani coppie e porto sicuro per chi ha cattive intenzioni, marciapiedi rotti e quindi pericolosi per l’utenza del cinema, per le persone di passaggio e per i residenti della zona, piazza sporca perché si pulisce solo se ad occuparsene sono i gestori del cinema.

Un quadro desolante che ho rappresentato al Sindaco. Attraverso un’interrogazione consiliare, infatti, ho chiesto quali interventi l’amministrazione intenda adottare per porre fino a questo scempio perché basterebbe davvero poco: due cancelli per chiudere il corridoio di passaggio delle porte d’emergenza e una giusta dose di buon senso.

Anziché pensare alle primarie ed agli accordi politici – aggiunge Sessa – il Sindaco dell’amministrazione “che non fa e non sa” pensasse a risolvere i tanti problemi che attanagliano la città, a cui sta togliendo anche la speranza.
Altrimenti si dimettesse e restituisse la parola ai cittadini”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati