Pagani. Giusy Fiore: “Sono consigliere di opposizione, rispetto il mandato”

“Sono consigliere d’opposizione e rispetto il mio mandato”. Così il consigliere comunale capogruppo del Partito Democratico, Giusy Fiore che tenta di fare chiarezza sulla “vicinanza” agli amministratori cittadini.

“Il mio compito è essere consigliere d’opposizione – ha dichiarato il consigliere PD – siedo in aula con l’intento di fare proposte costruttive che mirano esclusivamente alla città e al benessere dei cittadini. Nell’ultima seduta di consiglio comunale sono andata via prima della votazione del bilancio non certo per esprimere un mio consenso all’operato finanziario dell’Ente, ma per ragioni personali. Le ore trascorse in aula, però, mi hanno dimostrato ancora una volta l’assoluta mancanza di progettualità di questo consesso. Non è possibile celebrare un consiglio comunale dove nelle prime due ore e mezza si assiste alle manie di protagonismo dei consiglieri. Sono andata via dopo tre ore e non avevamo ancora approvato i verbali delle sedute precedenti, ne tantomeno eravamo passati a discutere di interpellanze e interrogazioni. Di cosa vogliamo discutere?”.

Il capogruppo Fiore va oltre quanto accaduto nell’ultima seduta di consiglio comunale: “Voglio chiarire, qualora qualcuno si fosse distratto, preso dalle auto celebrazioni, che in quota PD c’è un consigliere che fa opposizione e sono io. Il Partito Democratico è rappresentato da me. Non sostengo null’altro, se non i cittadini e faccio mie le loro istanze. D’altronde i miei interventi sulle carenze amministrative di questo governo cittadino lo dimostrano. Abbiamo periferie dormienti, commercianti esasperati, strade dissestate e abbandonate all’incuria. Viviamo nell’approssimazione. Chi mi considera, legata in qualche modo a questa amministrazione, dovrebbe documentarsi meglio sul mio lavoro e sulle battaglie che porto in aula”.