Pagani. Gori. “Somme non dovute”, interrogazione di Donato e Greco

Gori: i consiglieri comunali della civica “La città che vogliamo”, Antonio Donato e Rita Greco, hanno presentato una interrogazione per fare chiarezza sulle somme realmente dovute dalla cittadinanza.

“Gli utenti hanno il diritto di chiedere alla Gori l’esenzione totale dal pagamento futuro dalla tariffa fognatura e depurazione, ed il diritto di ottenere il rimborso delle somme illegittimamente versate negli ultimi 10 anni per la tariffa fognatura e per la tariffa depurazione quando l’impianto di depurazione non esiste e/o è inattivo; quando non sono collegati alla rete fognaria pubblica, parziale in quanto pure se collegati alla rete fognaria, quest’ultima non confluisce nel depuratore; quando l’impianto di depurazione esiste ed è attivo, ma non è efficiente nell’erogazione del servizio”, evidenziano Donato e Greco,

I consiglieri chiedono: “Copia dell’elenco delle strade con rete fognaria servita dal depuratore; l’ elenco delle strade del Comune di Pagani non collegate alla pubblica fognatura; l’ elenco delle strade la cui rete fognaria confluisce nell’alveo comune; in quale anno è partito il depuratore e se ne abbiamo anche un secondo?; se dal 2007 ad oggi i depuratori che hanno servito il Comune di Pagani sono stati sempre attivi, e se è stato erogato in modo efficiente il servizio sul territorio Comunale?”.

Infine, “La città che vogliamo” chiede di inviare tali elenchi aggiornati alla Gori S.p.A. “Si richiede anche risposta scritta, e la pubblicazione di detti elenchi per consentire alla Cittadinanza Paganese ,eventualmente, di chiedere alla Gori S.p.A. il rimborso delle somme illegittimamente versate per la tariffa di depurazione e servizio fognatura”, concludono Donato e Greco.