Pagani. Il dossier di Anna Rosa Sessa: “La città è nel degrado”

“La città di Pagani è nel degrado assoluto. Nonostante di questo si siano accorti anche autorevoli esponenti della maggioranza (che non hanno ancora deciso cosa fare da grandi!!!), l’amministrazione comunale continua ad essere totalmente indifferente e a cullarsi nella sua incapacità”. A parlare è Anna Rosa Sessa, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, che ha preparato un dossier per mettere in luce inefficienze e disservizi.

“Per il Sindaco ed i suoi è più importante realizzare “adesioni di convenienza” al Pd che risolvere i tanti problemi che, purtroppo, attanagliano la città – aggiunge-. Quotidianamente, attraverso le pagine social e attraverso missive all’amministrazione, siamo costretti a segnalare i disagi che, purtroppo, vivono i cittadini paganesi. Strade sporche con presenza di rifiuti ingombranti e non, con erba alta, con presenza di ratti e volatili; strutture abbandonate e non rese fruibili ai cittadini; piazze importanti con lampioni cadenti e vasche ricettacolo di rifiuti o che, addirittura, diventano parcheggi a cielo aperto; strade pericolose per l’incolumità di pedoni ed automobilisti. Un quadro desolante ed agghiacciante, frutto di quotidiana ed ordinaria “disamministrazione”, che ho illustrato in un dossier inviato al Sindaco, chiedendo interventi urgenti. Situazioni che, ancora una volta, dimostrano la totale inadeguatezza di un’amministrazione che, nonostante annunci festosa di aver superato tutti i problemi economici dell’ente, non riesce a mettere in campo soluzioni efficaci, continuando a mortificare una città che ha tutte le potenzialità per crescere e per essere punto di riferimento dell’intero Agro Nocerino Sarnese”.

Dossier riferito a problematiche di ordinaria manutenzione e gestione del territorio comunale. Segnalazione inconvenienti. Richiesta intervento risoluzione.

Egregio Signor Sindaco,

Le scrivo per sottoporre alla Sua attenzione una serie di criticità che, purtroppo, vive la nostra città e che rende invivibile – e pericoloso in termini di sicurezza e di igienicità – il territorio comunale.
Tali criticità sono il frutto di segnalazioni quotidiane che i cittadini fanno pervenire e che hanno più volte segnalato ai competenti uffici senza ricevere risposte.

D’altra parte non è certamente sfuggito alla Sua attenzione lo stato di degrado assoluto in cui vive la città con strade sporche e presenza di rifiuti ingombranti e non, con erba alta, con abnorme presenza di ratti e volatili.
Allo stesso modo Lei sa che sussistono strutture abbandonate e non rese fruibili ai cittadini, piazze importanti con lampioni cadenti e vasche ricettacolo di rifiuti o che, addirittura, diventano parcheggi a cielo aperto, strade pericolose per l’incolumità di pedoni e automobilisti.

Insomma, e francamente, un quadro desolante ed agghiacciante rispetto al quale non si può restare insensibili e per la risoluzione del quale Le chiedo interventi tempestivi.

Nel dettaglio Le sottopongo i seguenti interventi facilmente risolvibili:
1) Presenza di volatili, ratti, zecche, zanzare in tutta la città.
A causa della presenza di molti rifiuti e dello stato si sporcizia che caratterizza tutte le strade cittadine (non sottoposte da anni ad alcun tipo di lavaggio né di disinfezione mirata) sono sempre più numerosi i piccioni che invadono le nostre strade, creano problemi ai cittadini perché prendono di mira balconi e terrazzi e rendono ancora più precaria la già difficile situazione igienico-sanitaria.
L’annunciata disinfestazione e derattizzazione del territorio, che addirittura secondo l’ASL sarebbe stata effettuata, non è stata vista – né soprattutto avvertita – dai cittadini che continuano a vivere il territorio dovendo fronteggiare blatte, zecche e zanzare in misura enorme.

2) Centro Polivalente Via Marco Pittoni.
Il campo di bocce è inutilizzato ed inutilizzabile in quanto completamente abbandonato: presenza di rifiuti ingombranti, erba altissima, panchine divelte, filo spinato rotto. Non sarebbe difficile il ripristino dello stato dei luoghi, restituendo, in tal modo, uno spazio agli anziani del centro polivalente che, al momento, non possono utilizzarlo

3) Via Cauciello.
La strada viene quotidianamente pulita ma, stranamente, solo fino al numero civico 15. Il Tratto della strada successivo, quello che porta alla stazione ferroviaria e quindi percorso, quotidianamente, anche da non residenti, è invaso da siringhe, rifiuti di ogni genere (anche ingombranti), erba alta che non viene tagliata da mesi.
A ciò si aggiunge il funzionamento, a fasi alterne, dell’impianto di pubblica illuminazione.
Nei pressi della stazione, poi, abbondante è la presenza di zingari che creano non pochi problemi ai residenti della zona, soprattutto nelle ore notturne.

4) Piazza Sant’Alfonso.
Sotto gli occhi di tutti è la presenza di erba alta e di rifiuti nelle vasche antistanti l’auditorium mentre uno dei lampioni che illumina la zona si è spostato rispetto alla sua posizione iniziale e costituisce un pericolo per la pubbblica incolumità.

5) Piazza Corpo di Cristo.
Nel tardo pomeriggio la piazza diventa un vero e proprio parcheggio a cielo aperto, nonostante il parcheggio di Piazza Municipio sia situato a pochi passi.
Nelle ore serali, poi, la piazza è invasa da blatte e scarafaggi per cui urge una particolare disinfestazione

6) Via Corallo.
L’arteria, che non è una semplice strada periferica ma conduce in città chi arriva dall’A30, è completamente dissestata ed è priva, in assoluto, di qualsiasi forma di controllo da parte della Polizia Locale tanto che agli incroci con Via San Rocco e Via De Gasperi diventa una vera e propria giungla senza regole e pericolosissima per la pubblica incolumità.

7) Arterie periferiche.
Le arterie cd. periferiche sono abbandonate a se stesse, dissestate, senza manutenzione e senza pulizia.

8) Parco Urbano e spazi antistanti Multisala La Fenice.
Con apposite richieste, il gruppo Consiliare Fratelli d’Italia, ha già denunciato la situazione e formulato le relative proposte ma nessun intervento è stato effettuato e la situazione è diventata sempre più seria e grave.

9) Via Tipaldi.
Lungo la strade, le auto sfrecciano ad altissima velocità per cui sarebbe indispensabile installare un dissuasore lungo l’ultimo tratto, quello che conduce dalla Variante in Via Ferrante.

10) Corso Ettore Padovano.
Sussistono fioriere e panchine rotte nonché erba alta e non curata con pericolo per la stessa incolumità dei cittadini.

Signor Sindaco,
quelli descritti sono solo alcuni degli interventi possibili ed urgenti a realizzarsi per cui mi aspetto che la S.V. disponga ogni autorevole intervento per eliminare gli inconvenienti oggettivi che oggi la città e la comunità residente è costretta a vivere”.