Pagani. In ospedale per infezione, muore 33enne. Medici indagati

Muore a 33 anni per un’infezione che si era procurato sul posto di lavoro. I familiari presentano una denuncia e 12 medici finiscono nel registro degli indagati.

Coinvolti medici del pronto soccorso, un dottore della guardia medica, un nefrologo, un infettivologo e medici del reparto di rianimazione dell’ospedale di Nocera.

Il 33enne paganese, Carmine Russo, padre di due figli é morto il 2 maggio all’ospedale di Nocera Inferiore.

Dopo essersi procurato la ferita, il giovane non si sarebbe recato in ospedale. Avrebbe provveduto da solo. Poi si sarebbe rivolto telefonicamente alla guardia medica, a causa di una febbre alta sopraggiunta dopo qualche ora. Il medico – secondi quanto riporta Il Mattino – gli avrebbe prescritto della tachipirina che gli avrebbe abbassato leggermente lo stato febbrile, ma non i dolori. Gravi al punto da spingerlo a recarsi in ospedale. In pronto soccorso avrebbe atteso diverse ore prima di essere assistito. La situazione sarebbe poi precipitata, nonostante analisi e consulti, fino al trasferimento in rianimazione per uno stato di coma

L’esame autoptico é stato effettuato ieri pomeriggio, la salma è stata riesumata su decisione della procura.