Pagani. L’assessore Palladino replica a FdI

Arrivano le precisazioni dell’Assessore all’Ambiente Gerardo Palladino in merito alla nota stampa diramata dal gruppo consiliare Fratelli d’Italia.

“Intendo far chiarezza in merito al comunicato diramato dagli organi di stampa e dai media il giorno 7 giugno 2017 a firma del capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia di Pagani. Mi riferisco ad un ipotetico incontro che si sarebbe tenuto il giorno 6 giugno presso la Casa Comunale tra lo scrivente, alcuni dipendenti dell’Ente e una delegazione della forza lavoro del Consorzio Bacino Sa1- Cantiere Pagani, in merito alla situazione dei compensi dovuti al consorzio per le attività svolte nel mese di maggio 2017 – dichiara Palladino -. Innanzitutto tengo a precisare che il sottoscritto non ha mai partecipato ad alcun incontro e di conseguenza non ha mai affermato che i ritardi dei pagamenti relativi a maggio 2017 sono imputabili ad azioni di denuncia di gruppi ed esponenti politici.
A tal proposito, se davvero ci sono lavoratori che hanno affermato questo, invito il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia a segnalarli, in modo tale da far emergere in modo chiaro e netto chi si rende protagonista di falsità, calunnie e becera mistificazione della realtà. Intanto, sia per questa incresciosa vicenda e sia per quelle future (sperando che non ce ne siano), mi riservo di tutelare nelle sedi giudiziarie opportune la mia immagine di professionista prima e di amministratore comunale dopo. Non consento a nessuno di coinvolgere la mia persona in situazioni a dir poco fantasiose e di cattivo gusto. Allo stesso tempo, diffido chiunque cerchi di mettere in dubbio la mia serietà, correttezza e trasparenza”.

E ancora: “Per quanto concerne le questioni di natura tecnico-procedurale evidenziate nella nota del gruppo di Fratelli d’Italia, preciso che si tratta di atti di competenza esclusiva degli uffici preposti. Sono atti puramente gestionali, e chi ricopre ruoli istituzionali dovrebbe sapere che ai componenti della Giunta è attribuito il solo compito di indirizzo politico (senza entrare minimamente nelle questioni gestionali). In questo frangente, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia sa bene come fare per richiedere agli uffici competenti tutte le delucidazioni e le spiegazioni di cui ha bisogno. Infine, per quanto attiene al discorso degli impiegati della cooperativa a cui la nota fa riferimento – conclude – il sottoscritto dichiara di non essere a conoscenza assolutamente di nulla di quanto affermato”.