Pagani. Lettera aperta di Bottone contro Fratelli d’Italia: “Gettano fango su di noi”

Nel giorno in cui Fratelli d’Italia Lancia l’ope9razione verità sul processo Linea d’ombra il sindaco di Pagani, Salvatore Bottone affida ad una lettera aperta il suo appello alla città. Dure le parole del primo cittadino nei confronti di Fratelli d’Italia. Dito puntato, in particolare, contro il consigliere regionale del sindaco di Pagani Alberico Gambino e contro l’onorevole Edmondo cirielli.

Di seguito la lettera.

“Cari Concittadini,
ormai è consuetudine che, soprattutto in prossimità delle festività o di qualsiasi evento positivo per Pagani, il partito di Cirielli/Gambino – Fratelli d’Italia – getti fango su tutti noi.

Anche se ormai siamo abituati ai loro continui esposti e alle denunce alla Corte dei Conti, alla Prefettura, alla Magistratura, essi sono comunque distruttivi perché fatti con il solo scopo di rallentare le attività di questa Amministrazione, per arrecare danni e per far aumentare le spese a carico di tutti noi paganesi.

Anche se ormai siamo abituati al fatto che questo piccolo manipolo di persone, che vive ESCLUSIVAMENTE di politica, attacchi e infanghi la Città di Pagani, la cosa non può lasciarci indifferenti.
La verità è nota a tutti e lo hanno affermato pubblicamente “Noi la città la blocchiamo e non ci fermiamo fin quando non se ne andranno a casa”. Ecco, tutto il loro operato si racchiude in questa frase. Tutti gli spazi autogestiti che tali soggetti acquistano su tv e giornali, per scrivere e pubblicare ogni giorno CONTRO la Città di Pagani, hanno questo unico scopo. Altro che “il bene della città”.

Del resto, queste persone non hanno nulla da fare perché per loro la politica è l’unica fonte di reddito.
Eppure quotidianamente mancano di rispetto proprio a quanti pagano i loro stipendi. Mancano di rispetto a tutti i i cittadini.

Giorni fa mi è capitato di leggere un articolo totalmente privo di contenuti dove un ex sindaco, in bella mostra nella foto, si autocelebrava e preannunciava di nuovo gossip, pettegolezzi e fango su Pagani.
Nessuna meraviglia ma solo l’ennesima conferma del loro modo di fare, della loro mania di protagonismo e di esibizionismo. Eppure al peggio non c’è mai fine tanto che sono stati capaci di toccare il fondo (forse)!

Un onorevole, che dovrebbe rappresentare l’intera Provincia di Salerno, invece di lavorare per portare almeno un beneficio al nostro territorio, cosa fa?
Anche lui, come i suoi adepti, GETTA FANGO SULLA CITTA’ DI PAGANI!
E tutto questo senza alcuna motivazione, senza conoscere minimamente neanche le strade e le cose di cui parla. Eppure offende l’intera Comunità, minando l’immagine di noi paganesi e dimostrando un palese disprezzo per il lavoro che le Forze dell’Ordine svolgono, quotidianamente, sul nostro territorio.
E su questo lascio a voi giudicare se è giusto richiedere al Prefetto addirittura una Conferenza sull’Ordine e la Sicurezza per alcuni atti vandalici e dei guasti alla pubblica illuminazione. Atti che pure sono gravi, ma che di certo non necessita dell’intervento della Prefettura.

SIAMO ALL’ASSURDO!
Da un onorevole locale, i cittadini di Pagani si sarebbero aspettati molto di più.
I cittadini paganesi si sarebbero aspettati interventi a sostegno della comunità, dopo che le casse comunali erano state svuotate dai componenti locali del suo partito portando l’Ente sull’orlo del fallimento economico.
I cittadini si sarebbero aspettati che un onorevole locale avesse portato fondi e finanziamenti al territorio, utili ad uscire dal baratro dove questa città era sprofondata grazie al suo partito.
E invece nulla di tutto ciò.

Certamente i cittadini paganesi non si sarebbero aspettati che proprio coloro che avevano saccheggiato questa città iniziassero a fare propaganda elettorale sulle loro spalle.
VERGOGNA!
È per questo che Vi invito, miei cari concittadini,
ad indignarvi e a ribellarvi a chi, essendo in campagna elettorale da sempre, ma ora più che mai fino a Marzo, vi racconterà solo bugie, incolpando gli altri delle proprie malefatte, continuando a danneggiare Pagani, FINGENDO e DECANTANDO un attaccamento che, vi assicuro, non c’è mai stato.

Noi tutti, insieme e uniti come sempre, difendiamo la nostra Città dai predatori e da chi fa politica per mestiere.

NOI SIAMO PAGANESI E CE NE VANTIAMO! VIVA PAGANI!”