Piano Casa. Uniti per Angri boccia le scelte dell’amministrazione Ferraioli: “Persa un’occasione per riavvicinare la Politica alle richieste del territorio”

Piano Casa, i consiglieri di Uniti per Angri, Roberto Falcone e Alfredo Pauciulo, affidano a una nota le loro riflessioni dopo la seduta di Consiglio comunale dello scorso 12 aprile. In quell’occasione, era in discussione l’approvazione di uno schema di convenzione-tipo da stipulare tra l’ente Comune e gli operatori economici privati intenzionati a realizzare interventi edilizi previsti dalla Legge Regionale n.19/2009 sul “Piano Casa”. Il gruppo aveva presentato emendamenti che sono stati però bocciati.

“Ricordiamo –spiegano i due consiglieri- che tale norma, in deroga agli strumenti urbanistici vigenti e ai parametri edilizi, conferisce ai Comuni la facoltà (non l’obbligo) di autorizzare interventi di sostituzione edilizia finalizzati al recupero e al riutilizzo di complessi industriali dismessi o improduttivi, da realizzarsi mediante abbattimento e ricostruzione di volumetrie edilizie preesistenti, concedendo il cambio di destinazione d’uso da industriale a residenziale. Ricordiamo inoltre che il vantaggio per la comunità dall’applicazione di tale norma è determinato, oltre che dalla riqualificazione di porzioni degradate di territorio, dallo stimolo all’economia generato dall’intervento edilizio e anche dalla disponibilità di alloggi sociali da riservare ai soggetti aventi specifici requisiti per l’accesso a tale forma di edilizia. A tal fine, in quella data era conferita facoltà ai Consiglio Comunale di stabilire degli indirizzi di carattere generale a cui attenersi nella redazione di uno schema di convenzione che avrebbe, da quel momento in poi, disciplinato tutti gli interventi previsti dal Piano Casa”.

Poi, i due esponenti di Uniti per Angri illustrano gli emendamenti che avevano proposto e che sono stati bocciati. “Ciò premesso e sicuri della scelta di adottare una convenzione-tipo unica che vada a disciplinare ogni casistica per scongiurare la stipula di convezioni ad hoc per ogni operazione di “Piano casa”, come gruppo politico “Uniti per Angri”, ritenendo di dover dare risposta a quei nuclei familiari angresi che stanno vivendo il drammatico problema della mancanza di un alloggio sicuro in cui vivere, e ritenendodi dover tutelare innanzitutto le fasce deboli della nostra comunità garantendo loro il diritto alla casa, fermo restando il rispetto della legittima iniziativa degli operatori economici, abbiamo proposto alcune modifiche allo schema di convenzione-tipo che era in discussione –prosegue la nota-.

Gli emendamenti, a nostro giudizio migliorativi, erano i seguenti:
– individuazione dei soggetti assegnatari di alloggi sociali mediante avviso pubblico predisposto dall’Ufficio Patrimonio del Comune (attualmente viene lasciata la facoltà all’operatore economico di scegliere in maniera del tutto arbitraria a chi assegnare l’alloggio);
-incremento dal 6.28 al 10 % della superficie utile da cedere al Comune come percentuale della intera superficie utile prevista dall’intervento, ai sensi dell’art.7 comma 2 e art. 7/bis;
-incremento del numero di anni di validità della convenzione da 8 a 12;
-obbligo da parte del soggetto attuatore a destinare a locazione almeno il 50% della superficie utile per housing sociale (a sua volta pari al 30% della superficie prevista dall’intervento), ai sensi dell’art. 7 comma 5 (attualmente l’operatore economico non ha un vincolo specifico);
-obbligo da parte del soggetto attuatore a destinare gli alloggi sociali, sia per la vendita che per la locazione, a soggetti, individuati mediante bando pubblico, in possesso di specifici requisiti(residenza anagrafica nel Comune di Angri, non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare, assenza di precedenti assegnazioni di alloggio sociale, indicatore ISEE non superiore a 30000 €), individuando come assegnatari prioritari:
a) soggetti sottoposti a procedure esecutive di rilascio per fine locazione,
b) soggetti che abbiano nel proprio nucleo familiare persone over 65, malati terminali, portatori di handicap o figli fiscalmente a carico,
c) giovani coppie che contraggono il matrimonio in un periodo compreso tra i 18 mesi antecedenti e 18 mesi successivi alla data del contratto di locazione,
d) famiglie monoparentali, composte da un solo genitore, nella condizione di celibe/nubile, divorziato o vedovo con almeno un figlio a carico,
e) immigrati regolari,
f) soggetti che risiedono in baracche e container e che hanno partecipato a precedenti bandi per assegnazione di alloggi”.

Proposte che non sono state approvate.

“Mentre tanto si invoca l’agognata “coesione sociale”, queste proposte presentate dal gruppo consiliare sono state bocciate dal civico consesso con voto contrario della maggioranza consiliare.E’ stata, così, persa un’occasione per riavvicinare la Politica alle richieste del nostro territorio –conclude la nota-. Noi non smetteremo mai di credere che il maggior profitto vada garantito alla città”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati