Prostituta uccisa. Il muratore: “Non sono stato io”

“Non sono stato io”. Davanti ai carabinieri, nella notte tra sabato e domenica, avrebbe respinto con forza le accuse Carmine Ferrante, il muratore 36enne di Vietri sul Mare, sottoposto a fermo di indiziato di delitto per l’omicidio di Nikolova Temenuzhka, la 37 bulgara trovata morta, venerdì pomeriggio, alle spalle del cimitero di Pagani.

Secondo gli investigatori il muratore, la sera del 12 agosto, sarebbe stato l’ultimo cliente della donna che si prostituiva sulla Statale 18.

In attesa dell’udienza di convalidadel fermo, l’uomo, che ha una compagna ed è padre di tre bambini, resterà in carcere.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati