Provincia di Salerno a rischio dissesto finanziario, interrogazione dell’on. Iannuzzi e della senatrice Saggese

Provincia di Salerno a rischio dissesto finanziario, interrogazione parlamentare dell’on.Tino Iannuzzi e della senatrice Angelica Saggese.

“Al Ministro dell’Economia e delle Finanze, al Ministro dell’Interno. — Per sapere – premesso che:
la Provincia di Salerno, per effetto delle diverse manovre di finanza pubblica susseguitesi negli ultimi anni, ha subito nei trasferimenti di risorse dallo Stato una serie di tagli molto pesanti ed in misura sempre più consistente; infatti, nell’anno 2012 per l’Amministrazione Provinciale di Salerno è stato disposto un taglio di 14.869.630,19 euro, che nell’anno 2015 è salito a 24.920.660,00 euro;

nel 2016 la riduzione dei trasferimenti è stata definita in ben 61.944.612,25 euro, con oltre 12 milioni di euro in più rispetto al raddoppio del contributo relativo al 2015 e previsto dal decreto-legge n. 133 del 2016; così la Provincia di Salerno è divenuta la prima in Italia per entità del taglio, con un forte scostamento di 15 milioni di euro rispetto alla seconda provincia in graduatoria, con una incidenza per l’ente salernitano di circa il 10 per cento sul contributo complessivo di 650 milioni di euro, da ripartire per il 2016 fra 74 province italiane;

nel 2017, poi, il contributo della Provincia di Salerno è stato quantificato addirittura in 93.014.762,64 euro, più che triplicato rispetto a quello del 2015;

alla luce delle analisi e dei calcoli elaborati con cura dagli uffici della Provincia di Salerno, documentati e portati a conoscenza del Ministero dell’Economia e delle Finanze vi sarebbero valutazioni di calcolo ed applicazioni erronee che avrebbero pesantemente penalizzato la Provincia di Salerno, determinando tagli troppo pesanti e non giustificati;

avrebbero concorso a causare tale situazione una pluralità di fattori, quali la considerazione, nel taglio sul totale dei consumi intermedi, delle spese finanziate integralmente con fondi della Regione Campania ed in quanto tali non suscettibili di alcuna riduzione; il mancato rimborso delle ingenti spese sostenute dalla provincia di Salerno con fondi propri per poter provvedere all’esercizio di funzioni non fondamentali, in tutto il 2015 ed in larga parte del 2016; l’Incremento inspiegabile di altri 12 milioni di euro del contributo gravante per il 2016 su detta amministrazione, fino a raggiungere così la quota di 61 milioni di euro;

ne è derivata una situazione gravissima, nella quale la Provincia di Salerno, obiettivamente e proprio per la dimensione e la insostenibilità dei tagli sofferti, non è nelle condizioni di poter erogare servizi fondamentali per i cittadini e per le comunità, a cominciare dalla manutenzione e dalla cura della rete stradale e dalla gestione delle scuole; situazione ancora più grave considerando che la competenza di questo Ente Locale investe ben 2.700 chilometri di strade e 148 edifici scolastici; diviene quanto mai attuale e concreto il rischio di interruzione nell’erogazione di pubblici servizi;

nei prossimi mesi, perdurando tale condizione, potrebbe divenire impossibile anche provvedere al pagamento delle retribuzioni dovute al personale in dotazione alla provincia di Salerno;

è stata prevista per l’anno 2017 una condizione di squilibrio di bilancio per tale ente pari a circa 86 milioni di euro;

pertanto, a fronte di questa delicata situazione oramai vicina ad una vera e propria emergenza, occorre una tempestiva verifica delle riduzioni di risorse destinate alla Provincia di Salerno, al fine di poter sollecitamente adottare gli indispensabili provvedimenti correttivi e modificativi –:
quali iniziative, con ogni urgenza, il Governo intenda adottare per porre rimedio alla descritta e grave situazione, riducendo, in misura corretta e giustificata, i tagli nei trasferimenti finanziari dallo Stato che la Provincia di Salerno ha subito e continua a soffrire, con gravissime conseguenze negative sulla erogazione di servizi fondamentali ai cittadini, a cominciare dalla manutenzione della rete stradale e del patrimonio di edilizia scolastica”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati