Roccapiemonte. Miasmi a San Potito e Casali, le richieste del sindaco

Miasmi e cattivi odori a Casali e San Potito, il sindaco Carmine Pagano chiede l’intervento degli organi competenti.

“Sin dall’avvio dell’attività amministrativa, ho ricevuto segnalazioni da parte di cittadini delle frazioni Casali e San Potito (Via Calvanese, Via San Nicola e Via San Potito) costretti a convivere con un fortissimo lezzo riconducibile, probabilmente, a miasmi provocati dalla presenza di maiali e/o altri animali da allevamento (polli, galline e conigli) – dichiara il primo cittadino -. In questo periodo estivo e con l’aumentare delle temperature, la puzza è diventata insostenibile, tanto che i residenti, specie di sera, sono costretti a serrarsi nelle proprie abitazioni per evitare di respirare le esalazioni maleodoranti, così come i titolari di alcuni esercizi commerciali (in particolare bar) debbono chiudere prima dell’orario convenuto. Tra l’altro l’odore nauseabondo è tale da creare disagi ai clienti non permettendo loro di fruire degli spazi esterni delle attività ricettive. La puzza, in questa zona, sta provocando il proliferare di mosche, zanzare ed altri insetti, che potrebbero causare problemi di natura igienico – sanitaria, è evidente che la preoccupazione dei residenti, che è anche dell’Amministrazione Comunale, riguarda poi il possibile rischio di malattie epidemiche e respiratorie.
Si tratta di una condizione che persiste da anni e della quale mi sono occupato immediatamente insieme all’Assessore alle Politiche Sanitarie Daniemma Terrone, tanto da chiedere, recentemente, al locale Comando di Polizia Municipale di implementare i controlli al fine di accertare eventuali violazioni. Nonostante la puntuale azione di verifica effettuata dai vigili urbani, abbiamo convenuto informare della situazione l’Asl di Salerno, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, della Compagnia di Mercato San Severino e della Stazione di Castel San Giorgio e l’Arpac Campania, affinché possano accertare eventuali inosservanze di norme igienico ed ambientali riguardo la gestione delle attività di allevamento, la correttezza dello smaltimento dei liquami derivanti da allevamenti regolari, riscontrare la possibilità di presenza di allevamenti non regolamentari e quindi intraprendere ogni intervento necessario a salvaguardare la salute pubblica e degli esasperati cittadini delle frazioni San Potito e Casali di Roccapiemonte”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati