Sant’Antonio Abate. Differenziata in forte affanno. Il comune cerca rimedi

Differenziata in forte affanno. Si corre ai ripari. La raccolta differenziata in città si attesta al 42% e le strade sono sporche. Il porta a porta non sembra funzionare creando il fenomeno del sacchetto selvaggio. Fattori critici che hanno spinto l’amministrazione Varone a porre rimedio contro gli sversamenti illegali e fuori orario.

Nell’operazione sacchetto selvaggio saranno impegnati gli agenti di polizia municipale, le guardie ambientali e l’impianto di videosorveglianza. L’obiettivo dell’amministrazione è raggiungere la quota del 65% anche attraverso un nuovo appalto per la raccolta e smaltimento dei rifiuti – come riporta oggi il quotidiano Metropolis.

Il servizio è affidato attualmente in maniera del tutto alla provvisoria. A settembre è attesa la pubblicazione del bando europeo per affidare definitivamente il servizio di smaltimento e raccolta a una sola ditta. Attualmente l’ente ha dovuto emanare un’ordinanza volta a individuare un sito di stoccaggio provvisorio proprio sul territorio abatese.

Fino al prossimo 8 agosto, i rifiuti verranno accantonati nei pressi dell’area cimiteriale, a causa dell’indisponibilità dell’impianto di compostaggio di Scafati.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati