Sant’Egidio. Gli anni di piombo e le ultime scoperte sul caso di Aldo Moro ai Venerdì d’Autore

Gli anni di piombo ed il caso Moro approdano ai Venerdì d’Autore della Pro Loco di Sant’Egidio del Monte Albino il 26 maggio con “Quarto piano interno 13” di Pia Napoli, editrice Gaia. Appuntamento alle ore 20 presso la sede della Pro Loco in via Pulcinella, nel pieno centro storico di Sant’Egidio.

La presentazione del libro della scrittrice salernitana sarà arricchita dalla presenza di Gero Grassi, vicepresidente del gruppo PD alla Camera. Promotore nel 2013 della legge istitutiva della commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e la morte di Aldo Moro, fa parte della commissione sin dalla fondazione. Grassi presenterà gli ultimi fascicoli e le nuove scoperte della commissione parlamentare che ha il compito di indagare sui 55 giorni che hanno cambiato l’Italia e che negli ultimi anni, studiando tra l’altro documenti statali e l’archivio della famiglia Moro, ha confutato alcune tesi scoprendo inedite verità. Arrivando a parlare di uno scenario nel quale le Brigate Rosse erano solo parte di una rete più ampia, nascosta da una verità “di primo livello” che ancora non è emersa del tutto.

Il racconto della vicenda del presidente DC rapito ed ucciso, ricostruito da Grassi attraverso la lettura dei documenti di Stato, crea un intreccio tra passato e presente simile a quello del libro di Pia Napoli. In “Quarto piano interno tredici” si parla del confronto generazionale ed ideologico tra due persone lontane, figlie di epoche diverse: una giovane del ventunesimo secolo che prova a costruire la sua vita ed un ex sessantottino, poi brigatista, reduce di un passato bruciante che rende, per lui, il futuro un luogo da evitare, da non abitare.

Il presidente della Pro Loco Salvatore Ferraioli dichiara: “ Con il nuovo appuntamento dei Venerdì d’Autore affrontiamo una delle pagine più difficili della storia d’Italia. Pia Napoli lo fa con un libro che ci mostra come gli anni di piombo ci abbiano lasciato in eredità un grande vuoto. Un particolare ringraziamento va all’onorevole Gero Grassi per la sua presenza e per la scelta di parlarci delle ultime scoperte sul caso Moro, cosa che rende l’appuntamento particolarmente interessante e significativo”.