Scafati Città Partecipata: “Smartphone per la sosta a pagamento”

“Ottimizzare il sistema di pagamento della sosta con l’introduzione dei pagamenti elettronici”. Questa la proposta dell’Associazione Scafati Città Partecipata.

“Considerato che sono sempre di più i comuni europei ed italiani che, negli ultimi anni, hanno adottato sistemi alternativi di gestione degli stalli pubblici e non ci si riferisce solo a grossi centri come Salerno ma anche a piccoli comuni, utilizzando il sistema di pagamento on-line si potrebbe sfruttare, in sostanza, una risorsa già in grandissima percentuale presente nelle tasche dei cittadini: lo smartphone”, dichiara il presidente Adriano Nappi.

“Il controllo sarà oltremodo semplice e “tecnologico”: l’accertatore della sosta tramite il suo smartphone dovrà verificare l’attivazione della sosta consultando il portale on-line semplicemente digitando il numero di targa – aggiunge Emilio de Santis, vicepresidente dell’Associazione -. Nel caso in cui si avesse esigenza di prolungare la sosta, allo stesso modo sarà possibile farlo utilizzando il credito, tutto con un semplice clic e soprattutto senza dover raggiungere il veicolo”.

Con il sistema proposto dall’associazione, per parcheggiare la propria auto in uno stallo a pagamento basterebbe compiere pochi semplici passi: scaricare gratuitamente l’apposita “app” dal sito ufficiale del comune; registrarsi associando al proprio account il numero di cellulare e la targa del veicolo; effettuare una ricarica minima prevista, (solo nel caso dell’applicazione Telepass Pyng, l’importo verrà addebitato sul conto Telepass,oppure con carta di credito); una volta occupato lo stallo dovrà accedere all’applicazione indicando la zona di parcheggio e l’orario di inizio della sosta; prima di lasciare lo stallo, basterà riaprire l’applicazione e indicare la fine della sosta: in questo modo saranno pagati solo gli effettivi minuti usufruiti.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati