Scafati in Movimento: “Ospedale. Atto di indirizzo una presa in giro”

Questione ospedale e polemiche a Scafati. Dopo la conferenza del sindaco Aliberti arriva la presa di posizione di Scafati in Movimento.

“Si torna a parlare della questione ospedale attraverso un atto di indirizzo, l’ennesimo,  per chiedere la modifica, o correzione come la si voglia chiamare , del
del decreto 49 del 2010 e del Piano Attuativo commissariale – si legge in una nota -. Secondo la nostra opinione non è comunque  un parlare casuale ma sembra più il momento che segna  ufficialmente l’inizio della solita campagna elettorale.  Lo scopo di questo atto di indirizzo ci sembra una ulteriore presa in giro e ci chiediamo  cosa possa cambiare con la prossima deliberazione del consiglio comunale rispetto alle altre deliberazioni fatte finora. Perché  prima,  quando il sindaco  aveva dalla sua parte politica in regione il presidente Caldoro e la consorte Paolino, che nulla hanno fatto finora per il ripristino della rete dell’emergenza del Mauro Scarlato, non ha mai fatto la voce grossa? Basta una conclusione di indagine a carico dell’allora commissario Bortoletti a cambiare l’assetto ospedaliero? Dov’è il piano presentato all’Agenas e propagandato nella recente  campagna elettorale per le elezioni regionali come risoluzione del problema Scarlato? Dove era questa mattina il consigliere regionale Paolino quando si parlava in conferenza stampa dell’ospedale ?  Meglio tardi che mai si dirà anche dopo la denuncia a Bortoletti arrivata dopo anni , forse perché  il sindaco ci ha messo tempo per capire che da Scafati a Nocera non ci vogliono 5 minuti o per Sarno 10 minuti ? Comunque il tutto  sembra un nuovo nulla di fatto se non una tattica per tergiversare e prendere tempo facendo campagna elettorale sulla salute dei cittadini. Campagna elettorale questa volta che tende a giustificare e scaricare su altri, tipo Bortoletti, i fallimenti dei politici che ci hanno governato fino ad ora.  Ricordiamo che questa amministrazione governa la città da 7 anni e da quel fatidico 27 settembre 2010 data del funerale del nostro ospedale  nulla è stato fatto.  E ora il massimo che si è riusciti a produrre è questo ennesimo documento per buttare ancora una volta fumo negli occhi e riempire qualche cassetto !  Un ulteriore prova del totale fallimento di Aliberti anche su questa vicenda”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati