Scafati. Nomine e modifica dello Statuto, parla Cirillo

“Ricordo che già nella scorsa consiliatura si parlò di eventuali modifiche allo Statuto Comunale riguardo le deleghe ai consiglieri comunali, Ero assessore e non so che c’è stato poi un seguito”. Parole di Stefano Cirillo, ex assessore ai Lavori Pubblici ed oggi Presidente della Commissione Statuto.

Cirillo minimizza sulla vicenda della nomina a vice segretaria della dottoressa De Nicola: “Non possiamo negare che la scelta ha comportato un notevole risparmio per le casse dell’ente, del resto la questione sollevata dalle opposizioni non è di merito, perché la De Nicola ha tutti i requisiti per ricoprire il ruolo, e il primo cittadino ha rispettato ciò che prevede il Tuel – osserva Cirillo – la questione, a quanto pare, è di metodo. Si sarebbe forse dovuto cambiare prima lo Statuto passando per il consiglio comunale, forse ciò non è stato fatto in tempo, ad ogni modo in Commissione fino ad oggi non è arrivato nulla”.

Chiaramente non sta ai commissari entrare nel merito delle decisioni sindacali: “Noi siamo chiamati a confrontarci sui documenti che ci vengono sottoposti. In genere cerchiamo di accorpare più materiale possibile, per poi sottoporlo all’assise pubblica in una sola seduta di consiglio comunale”. Una questione di tempi, secondo Stefano Cirillo.

“Poco opportuno politicamente ci sembra la nomina per decreto della Vice Segretaria a “Potere Sostitutivo ” troppo vicina al “carro” del Sindaco – replicano i grillini di Scafati in Movimento, che hanno sollevato la questione – Ci chiediamo come mai non sia stata scelta la segretaria dottoressa Di Saia o un altro Dirigente per la nomina a “Potere Sostitutivo ” figura importante per l’accesso civico e per la Trasparenza vista. Ultima cosa i nostri dubbi, il nostro impegno e le nostre richieste di chiarimento sono anch’esse a costo zero”.

Adriano Falanga

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati