Torna la scherma a Cava de’ Tirreni

«It’s Fencing Time», recita lo slogan di presentazione. Perché a Cava de’ Tirreni è di nuovo tempo di scherma. Venerdì (1° settembre), a partire dalle ore 18, nel suggestivo scenario della restaurata piazza Abbro, le sciabole, le spade e i fioretti torneranno protagonisti nella “città dei portici”.

L’iniziativa è stata fortemente voluta dalla schermitrice cavese Rosanna Pagano, già campionessa del mondo con la Nazionale delle sciabolatrici e ora coordinatrice e guida tecnica d’un ambizioso progetto che riporta lo sport della “nobile arte” sul territorio metelliano. Un gradito ritorno, reso possibile grazie al Club Scherma Salerno che inaugurerà così la sua “sezione Cava de’ Tirreni” rispolverando un’antica tradizione.
Proprio le giovani promesse del sodalizio salernitano presieduto da Valerio Apolito venerdì si esibiranno in assalti dimostrativi, per far scoprire a tutti il fascino della disciplina più medagliata per l’Italia alle Olimpiadi. Ma non ci sarà soltanto da “guardare”. In piazza Abbro, infatti, un team d’istruttori darà la possibilità a tutti i bambini e ragazzi interessati di provare l’esperienza della pedana e raccogliere informazioni sull’attività che sarà svolta nella città metelliana. Non mancherà la FederScherma, rappresentata dal presidente del Comitato regionale campano Matteo Autuori e dal delegato provinciale Vincenzo Vigilante.

«La nascita del Club Scherma Salerno “sezione Cava de’ Tirreni” rappresenta un momento importante per tutto il territorio cavese e per gli appassionati di sport in particolare – ha commentato Rosanna Pagano –. L’evento “It’s Fencing Time” dà ufficialmente il via a un progetto che punta a rilanciare una disciplina che fino a qualche anno fa ha dato grande lustro alla città, coinvolgendo tanti giovanissimi che speriamo possano seguire le orme dei campioni del passato»

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati