Tregua di Ferragosto. Sospeso l’invio di 470mila cartelle fiscali tra il 7 e il 20 agosto

Tregua d’agosto per le cartelle fiscali. La neo Agenzia delle Entrate-Riscossione ha ‘congelato’ 469.915 cartelle e avvisi da notificare tra il 7 e il 20 agosto. La decisione, presa dal nuovo ente pubblico, arriva contemporaneamente ad un primo bilancio della stagione delle dichiarazioni, che vede la cosiddetta ”precompilata” fai-da-te crescere del 18% con oltre 2,4 milioni di dichiarazioni spedite.

Il blocco delle notifiche e’ stato disposto d’intesa con gli operatori postali e riguarda in particolare 399.428 atti che sarebbero altrimenti arrivati per posta e altri 70.487 da notificare attraverso la posta elettronica certificata Pec). Si tratta, ovviamente, solo di una sospensione. L’invio riprendera’ subito dopo, dal 21 di agosto. Lo stop, invece, non riguardera’ circa 14.500 atti inderogabili che saranno comunque inviati. A guidare la classifica della cartelle ”congelate” sara’ il Lazio con 109.631 atti congelati, seguito dalla Lombardia (61.608), dalla Campania (45.947), dalla Toscana (42.801), dal Veneto (27.858) e dal Piemonte (26.303). Subito dopo Emilia Romagna (25.228) e a seguire Puglia (22.126), Calabria (22.007), Sardegna (17.917), Liguria (14.910), Friuli Venezia Giulia (9.956), Marche (9.811), Abruzzo (9.413), Umbria (9.224), Trentino Alto Adige (6.353), Basilicata (5.439), Valle d’Aosta (1.744) e infine Molise con 1.639 cartelle e avvisi sospesi nelle due settimane di Ferragosto.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati