Vendevano farmaci senza autorizzazione, denunciati

I finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno sequestrato prodotti farmaceutici venduti in “empori” gestiti da cittadini di origini cinesi. In particolare, i finanzieri del I Gruppo Napoli hanno scoperto due attività commerciali, gestite da cittadini cinesi, che vendevano prodotti medici, senza avere la prescritta autorizzazione e senza la presenza e/o l’assistenza al banco di un farmacista abilitato all’esercizio della professione, in violazione dell’art. 5 del decreto legislativo n. 233/2006.

All’interno di questi esercizi commerciali si poteva trovare di tutto: anti-infiammatori, antidepressivi, integratori, senza controlli sulla vendita e sul consumatore. Al termine del servizio, le fiamme gialle hanno posto sotto sequestro oltre 500 scatole di farmaci, più di 36.000 compresse/pasticche, 2.100 fiale orosolubili, pomate ed integratori delle più svariate marche e tipologie, mentre i due responsabili sono stati denunciati all’Autorità giudiziaria competente per esercizio abusivo di una professione.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati