Vigili stagionali al Comune di Salerno, la Uil Fpl chiede la proroga del contratto

L’esperienza dei 38 vigili stagionali del Comune di Salerno per Luci d’Artista finisce qui. Ma dal gruppo arriva la richiesta di proroga del contratto. A sostenere l’iniziativa dei caschi bianchi a tempo è Gerardo Bracciante, segretario della Uil Fpl che si occupa del Comune di Salerno. Il sindacalista, insieme ai giovani, chiede all’amministrazione comunale di poter prorogare il contratto, vista la necessità e la carenza di personale nel corpo di polizia municipale della città capoluogo. “I vincitori della selezione pubblica indetta dal Comune di Salerno, in seguito alla conclusione del contratto di lavoro determinato e parziale con efficacia dal 16 novembre del 2016 e sino al 14 gennaio scorso, desidera ringraziare il sindaco Enzo Napoli, l’assessore alla Mobilità, Domenico De Maio, e tutta l’amministrazione comunale per la fiducia accordata”, si legge nella nota firmata da Bracciante e dai vigili stagionali. “Si desidera inoltre ringraziare il comandante del corpo di Polizia Municipale Elvira Cantarella, gli ufficiali, sottufficiali e tutti i colleghi della polizia municipale nel mettere ognuno dei vigili urbani in condizione di svolgere al meglio il proprio lavoro. L’esperienza lavorativa, seppur breve ma durata sul campo, è stata di grande spessore, sia dal punto di vista professionale che umano, consistendo tale attività in un continuo contatto con la cittadinanza locale e con i numerosi turisti in visita nella città di Salerno durante il periodo di Luci d’Artista”. Oltre a espletare le mansioni di viabilità e controllo del territorio, i vigili stagionali si sono oltremodo prodigati nel dare informazioni, consigli e in alcuni casi aiuto ai numerosi visitatori in difficoltà nel raggiungere i luoghi di loro interesse. In particolare sono stati aiutati anziani, disabili e intere famiglie al vivere al meglio l’esperienza della kermesse. L’impegno profuso in viabilità unito a quello dei colleghi permanenti ha consentito mai come quest’anno un regolare scorrimento del traffico cittadino. L’impegno, secondo il rappresentante della Uil Fpl salernitana, si è caratterizzato particolarmente in un impegno di educazione stradale per l’utenza e nei casi di violazione di codice della strada in alcune attività sanzionatorie. “Considerata la carenza in organico dei colleghi della Municipale, la richiesta pressante da parte dei cittadini e delle associazioni di categoria di una costante presenza dei caschi bianchi in strada a presidiare incroci, scuole e più in generale di dirigere la viabilità cittadina, si chiede all’amministrazione comunale di rivedere la delibera comunale di giunta e di essere impiegati per il 2017 per almeno ulteriori 6 mesi”, hanno chiesto Bracciante e i 38 stagionali. “Infatti il decreto legislativo numero 81 del 2015 consente alle pubbliche amministrazioni di stipulare contratti a tempo determinato per un impiego non superiore ai 36 mesi. Infatti, ai sensi dell’articolo 21, il termine del contratto a tempo determinato può essere prorogato con il consenso del lavoratore solo quando la durata iniziale del contratto sia inferiore ai 36 mesi e comunque per una massimo di 5 volte nell’arco dei tre anni a prescindere dal numero dei contratti”, si legge ancora nella nota. All’amministrazione comunale di Salerno, infine, viene chiesto anche di considerare l’attività fino a qui svolta come requisito preferenziale in caso di emanazione di concorso pubblico per l’assunzione di agenti di polizia municipale, attribuendo un punteggio equo al fine della valutazione dei titoli. “Considerate le difficoltà economiche del momento, l’enorme disoccupazione giovanile e la necessità di assumere persone oltremodo motivate, si chiede l’emanazione di un bando pubblico di concorso per titolo ed esami per l’assunzione a tempo indeterminato e part-time”, ha concluso il sindacalista per perorare la causa dei precari.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati