Angri. Pasquale Mauri boccia la Commissione Rio Sguazzatorio

L'ex sindaco Pasquale Mauri, ora consigliere comunale di opposizione, ha manifestato forti perplessità sulla "Commissione Rio Sguazzatorio"

Angri. Pasquale Mauri boccia la Commissione Rio Sguazzatorio - Agro24
Angri. Pasquale Mauri boccia la Commissione Rio Sguazzatorio - Agro24
Angri. Pasquale Mauri boccia la Commissione Rio Sguazzatorio

L’ex sindaco Pasquale Mauri, ora consigliere comunale di opposizione, ha manifestato forti perplessità sulla “Commissione Rio Sguazzatorio” durante l’ultimo consiglio comunale. Rivolgendosi al presidente dell’assemblea, Massimo Sorrentino, ha chiesto chiarimenti sul lavoro svolto dalla commissione, promossa dal consigliere comunale Alberto Milo, per affrontare la questione degli allagamenti nella zona tra via Orta Longa e località Avagliana.

Mauri: “Commissione senza senso”

Mauri ha sottolineato che una commissione ha senso solo se ha un obiettivo chiaro. “Una commissione ha senso se si prefigge un obiettivo in funzione del quale deve lavorare” dice Mauri aggiungendo che il problema degli allagamenti nella zona alluvionale è un fatto acclarato e quindi non ci sarebbe bisogno di una commissione. “Scusate ma qual è il senso di questa commissione? In base alla notizie che ho ha lavorato poco o quasi niente” aggiunge l’ex primo cittadino che propone di “Sopprimere la commissione”, come supportato anche dal video streaming della seduta in appendice allo stesso consiglio comunale.

I residenti: “Ma Mauri quando si è bagnato i piedi?”

“Non ci sembra di aver visto il consigliere Mauri negli ultimi tre anni bagnarsi i piedi come hanno fatto in tanti  per perorare la Nostra causa”, hanno commentato stizziti i cittadini della zona periferica, definendo la polemica, sollevata dal vulcanico consigliere comunale, come un fatto meramente strumentale. Pour parler. Tuttavia, il presidente dell’assise cittadina, Massimo Sorrentino, ha difeso la bontà e le azioni della commissione Rio Sguazzatorio, sottolineando le molteplici iniziative intraprese. Alla base le solite schermaglie da “Ancien Régime”.

Luciano Verdoliva